Stampa

Basilicata, Eni avvia investimenti per aumentare estrazioni

Scritto da Giuliano Sarricchio on .

oil-barrel1L'Eni ha presentato ieri a Potenza, presso la Regione, i prossimi investimenti in Val d'Agri che sono previsti nel protocollo d'intesa sottoscritto il 5 ottobre scorso denominato “Promozione di iniziative nel settore geo-minerario finalizzate allo sviluppo regionale, alla tutela della salute e dell'occupazione locale”.

.

 

L'intesa è stata sottoscritta anche dalle organizzazioni datoriali e sindacali riunite nel tavolo Obiettivo 2012. Nello specifico, con il programma di investimenti saranno completate le attività già individuate nell'Intesa del 1998 e autorizzate come “Variazione del programma lavori” (Vpl) dal ministero per lo Sviluppo economico nel gennaio scorso. Si tratta della quinta linea di trattamento del gas all'interno del Centro Oli di Viggiano, i cui lavori sono cominciati il 29 novembre scorso con un investimento di circa 250 milioni di euro, e di 9 pozzi produttori da aggiungere agli attuali 24. Grazie a questi interventi, sarà possibile raggiungere il livello produttivo di 104 mila barili al giorno, rendendo così pienamente operativa la concessione Val d'Agri che prevede tale quota a regime. I sottoscrittori dell'intesa hanno posto anche altre questioni: formazione, opportunità occupazionali per altre fasce di lavoratori (come quelli espulsi dai cicli produttivi e gli ultratrentacinquenni) fino a programmi di sviluppo che incentivino altre attività economiche. Temi, questi, che saranno affrontati in modo organico a iniziare dai primi di gennaio, quando il tavolo tornerà a riunirsi anche per attuare altri specifici punti del protocollo. “La firma dell'intesa – ha commentato il presidente della Regione, Vito De Filippo, che ha presieduto l'incontro – ha messo in campo una nuova metodologia della comunità regionale, in tutte le sue articolazioni, verso la questione dei rapporti produttivi che ruotano intorno al petrolio. Si tratta di un processo iniziato ma non concluso, che chiede all'Eni e alle altre compagnie di dare risposte veloci alle domande di sviluppo sollecitate dal tessuto imprenditoriale e sociale lucano, guardando a programmi di investimento che valorizzino le peculiarità che il territorio esprime”.

Fonte: Staffetta Quotidiana

;;

Centrale committenza4 100

Rinnovabili PA3 100

 

Patto Sindaci 100

fesr 100

Valorizzazione gas3 100

Come aderire 100bis

Piedone 200